Gli istituti finanziari richiedono determinate garanzie prima di concedere un mutuo. Può quindi essere un mutuo o un deposito . L'ipoteca è più costosa in alcuni casi …

Più informazioni? Ricevi tutti i nostri articoli e scopri tutte le nostre informazioni iscrivendoti alla nostra newsletter!

Ipoteca o garanzia: quale garanzia?

l'ipoteca

  • L'ipoteca si riferisce a un immobile acquisito o in corso di acquisizione tramite l'ipoteca. E la regola è semplice. In caso di inadempienza del mutuatario, la banca recupera i suoi soldi attraverso il sequestro e la vendita della proprietà. Questa garanzia è valida per tutta la durata del prestito tranne in caso di rilascio. Un'operazione che provoca costi, oltre al pagamento di dazi e tasse.

Ad esempio, per un prestito iniziale di 150.000 euro, il mutuatario dovrà pagare 10 60 euro inclusi tutti gli oneri di rilascio, ovvero lo 0, 51% del prestito iniziale e le commissioni ipotecarie di 2 251 euro (nuove abitazioni) o 964 euro per vecchi alloggi.

La garanzia bancaria

  • La garanzia bancaria è anche una garanzia che può essere richiesta al momento della concessione di un mutuo. Questo è un contratto in base al quale una persona, il garante, accetta di rimborsare il prestatore (la banca) in caso di inadempienza del mutuatario. In pratica, è raro che un individuo sia sicuro quando si tratta di beni immobili se non per avere i mezzi. Cosa controllerà anche la banca. Sono più simili a istituti di fideiussione come Crédit Logement, CMH per il credito reciproco, SOCAMI per Banques Populaires, ecc.

A differenza del mutuo, non vi è alcun addebito per il rilascio e il deposito è parzialmente rimborsato alla fine del mutuo. Per riprendere il nostro esempio sopra, una proprietà di 150.000 euro. L'acquirente che ha scelto il deposito dovrà pagare un costo iniziale di 1700 euro. O dopo la restituzione di 1050 euro, un costo reale di 650 euro.

Quindi, cauzione o mutuo: cosa scegliere?

Sembra che il legame sia meno costoso del mutuo. Tuttavia, il legame è per profili di debitori quasi perfetti (debito, reddito, anzianità, contributo personale, ecc.). Le organizzazioni sbucciano i file al microscopio prima di accettarli o meno.
Il deposito deve essere preferito in caso di rivendita della proprietà pianificata o per un acquisto nel nuovo.

Scopri tutti i nostri articoli!

Per leggere anche:

  • Come sottoscrivere un mutuo senza contributo?
  • Come risparmiare sulle spese notarili?
  • Acquista in affitto: è redditizio?
  • Mutuo casa: cosa devi sapere

Categoria: