Un dubbio legale? Poni al tuo avvocato la nostra domanda Come parte della lotta contro gli incendi, tutte le abitazioni, possedute o affittate, devono essere dotate di rilevatori di allarme di fumo autonomi (DAAF) a partire dal 1 ° gennaio 2020. Chi si fa carico del peso rilevatore di fumo obbligatorio ?

Chi è responsabile del rilevatore di fumo obbligatorio?

Per un'unità affittata dopo il 9 marzo 2020, l'acquisto e l'installazione del rilevatore di fumo sono a carico del proprietario, del locatore o del proprietario della casa. L'inquilino deve garantire il corretto funzionamento, la sostituzione e la manutenzione.
Il proprietario installa il dispositivo a sue spese. Dall'8 marzo 2020, la presenza e il corretto funzionamento del rilevatore di fumo sono controllati durante l'inventario dei luoghi di ingresso dell'alloggiamento.
Per un'abitazione già affittata il 9 marzo 2020, spetta all'inquilino installarla. Il proprietario ha la possibilità di fornire il rilevatore al suo inquilino o rimborsare l'acquisto di quest'ultimo.
In via eccezionale, l'obbligo di verificare il corretto funzionamento del rilevatore è responsabilità del proprietario non occupante, nel caso di abitazioni stagionali, case di abitazione, residenze sociali, residenze aziendali e affitti. arredata.
Attenzione : attenzione alle ricerche abusive, non è prevista alcuna visita di controllo obbligatoria per legge!

Quanto costa?

Il prezzo dei rilevatori di fumo richiesti varia tra 4 e 30 euro. "Che cosa scegliere" consiglia vivamente la fascia bassa tra 4 e 6 euro, i controlli di produzione sono considerati tutt'altro che soddisfacenti.
Il prezzo dipende dalla durata dell'autonomia scelta: tra 1 e 10 anni. Una batteria che dura 10 anni giustifica un costo di 30 euro. Il costo dipende anche dalle opzioni tecniche come il telecomando. Nel complesso, puoi ricordare che un buon rilevatore di fumo costa tra 10 e 20 euro.

Dove dovrebbe essere installato?

La legge richiede l'installazione di un singolo rilevatore di fumo per abitazione. Nel caso in cui l'alloggiamento sia composto da più livelli (casa, duplex), è obbligatorio installarne uno per piano. Se l'alloggiamento è un grande soppalco, è necessario installare più rilevatori di fumo allo stesso livello.
In particolare, si consiglia di installarlo nei corridoi o sul pianerottolo che conduce alle stanze. L'unità deve essere montata il più in alto possibile, preferibilmente al centro del soffitto. Deve essere rimosso dalla cucina e dal bagno.
Per ovvi motivi di sicurezza, è vietato installare rilevatori di fumo in aree comuni di abitazioni plurifamiliari.

Quali sanzioni penali in caso di mancata installazione?

Ad oggi, la legge non prevede alcuna sanzione in caso di assenza del rilevatore di fumo.
La natura dell'obbligo di installazione può essere messa in discussione per i proprietari che occupano la loro casa. Godono della libertà di installarlo o meno.
D'altra parte, i proprietari sono tenuti a rispettare la legge. In caso di incendio in assenza di un rilevatore di fumo obbligatorio, la loro responsabilità penale potrebbe essere sostenuta per lesioni materiali e fisiche.

Scopri tutti i nostri articoli su questo tema!

Per leggere anche:

  • Il mio padrone di casa si rifiuta di lavorare, cosa fare?
  • Rapporto sui danni causati dall'acqua: cosa fare!
  • Quali sono gli obblighi del locatore in relazione al rimborso del deposito?

Categoria: