Gli attacchi terroristici del 13 novembre 2020 hanno traumatizzato l'intera Francia. Può sembrare di cattivo gusto, di fronte a questa tragedia umana, essere interessato all'impatto economico. L'obiettivo dei terroristi, tuttavia, è anche quello di indebolire l'economia dei paesi che attaccano. È quindi utile considerare anche le conseguenze economiche degli attacchi . Sebbene esistano alcuni rischi, l'impatto del terrorismo sull'economia rimane limitato nel lungo periodo.

Conseguenze economiche a breve termine

I principali rischi economici a seguito degli attacchi riguardano il consumo di famiglie e turismo francesi.
L'industria del turismo rappresenta una quota significativa del PIL francese, circa il 7% secondo il Tourism Promotion Board. A seguito della paura provocata dagli attacchi, la partecipazione ai siti turistici parigini è ovviamente diminuita drasticamente. Alcuni temono addirittura che questo impatto possa causare un declino degli investimenti nel settore alberghiero in Francia, come riporta CNBC .
La seconda conseguenza economica degli attacchi è il suo impatto sui consumi. I consumatori hanno paura di frequentare spazi pubblici come bar, ristoranti o supermercati. I mercatini di Natale in alcune città sono stati addirittura cancellati. A livello psicologico, un umore che non favorisce l'ottimismo rende ancora meno facile il consumo.

Le conseguenze economiche a lungo termine

Tuttavia, queste conseguenze economiche negative sono forse solo a breve termine. Secondo The Economist, i mercati finanziari sono rimasti relativamente stabili a seguito degli eventi. Anzi, anticipano che questo calo dei consumi può essere solo temporaneo. L'attività economica, momentaneamente disturbata, dovrebbe riprendere una volta assorbito lo shock. Inoltre, gli economisti di Citigroup spiegano nelle colonne di The Economist che il declino della fiducia delle famiglie sta danneggiando il PIL francese, ma che in cambio l'aumento della spesa pubblica per forze di polizia e militari può avere un impatto positivo su di esso. Secondo loro, le conseguenze economiche a lungo termine saranno quindi solo "modeste".

Le conseguenze economiche oltre la Francia

Non è solo la Francia a soffrire di questo impatto psicologico. La minaccia di Daesh è anche preoccupante in tutti i paesi europei e può quindi avere conseguenze anche per il consumo in altri paesi europei. La rivista Forbes ha riferito che alcuni britannici hanno scelto di evitare i centri commerciali il fine settimana dopo gli attacchi. Questo fenomeno si è comunque attenuato nelle settimane successive agli eventi.
Il principale rischio economico riguarda un potenziale aumento dei controlli alle frontiere dello spazio Schengen. L'accordo di Schengen ha generato significativi vantaggi economici facilitando la circolazione delle merci da un paese a un altro e riducendo così i costi di trasporto per le imprese. Se le conseguenze politiche degli attentati comportano una limitazione della libera circolazione all'interno dell'area Schengen, ciò potrebbe comportare conseguenze economiche sfavorevoli.

Scopri tutti i nostri articoli

Per leggere anche:

  • Occupazione: la disoccupazione registra il suo più grande aumento da 2 anni
  • In calo il consumo delle famiglie nel mese di ottobre
  • Elezioni regionali: progressi dell'FN nell'Ile-de-France

Categoria: