Sei in conflitto con il tuo inquilino o il tuo padrone di casa? Chiama un professionista! Il sindacato di comproprietà è una "persona giuridica".
Non appena un edificio appartiene ad almeno due proprietari separati, la gestione dell'edificio sarà effettuata tramite un sindacato condominiale. Qual è questa rappresentazione dell'interesse generale dei proprietari? La sua competenza si ferma alla porta dell'appartamento?

Il sindacato della comproprietà: una responsabilità collettiva

La missione del sindacato di comproprietà è garantire la buona gestione dell'edificio. Ciò si riferisce al mantenimento delle condizioni dell'edificio (ristrutturazione, manutenzione dei giardini, pulizia delle aree comuni, ecc.), Ma anche all'amministrazione che implica (definizione dei budget necessari per le varie voci di spesa, in particolare importi delle spese per lotto, designazione di un fiduciario, ecc.). Tutte queste decisioni sono registrate nelle assemblee generali.
Sapere! In quanto entità legale, il sindacato condominiale ha quindi la propria responsabilità, che può essere sostenuta in caso di danni ad altri, come la caduta di un albero non potato a seguito di una tempesta, ecc. .

Il rilascio di autorizzazioni preventive per tutte le opere relative all'edificio

La responsabilità del sindacato di comproprietà si riferisce alle parti comuni ma questa nozione è più ampia di quanto sembri! In effetti, alcune decisioni di pianificazione che potrebbero sembrare di natura privata richiedono tuttavia l'accordo preliminare dei comproprietari.
Ciò avverrà in particolare per i lavori che interessano le aree comuni o l'aspetto esterno dell'edificio (cambio di colore della porta d'ingresso, creazione di uno sfiato per un dispositivo di climatizzazione, ecc.).
Sapere! La concessione di un'autorizzazione amministrativa come un permesso di costruzione non esonera il proprietario dal chiedere l'autorizzazione al sindacato per eseguire i lavori.

Inquilini: diritti tramite il sindacato di comproprietà?

Con l'acquisizione di un'abitazione nella comproprietà, ciascun proprietario integra automaticamente il consorzio di comproprietà e può in tale veste partecipare ai voti organizzati nell'ambito delle assemblee generali.
Gli inquilini non hanno diritti in questo incontro. Non possono partecipare, ad eccezione degli inquilini organizzati in forma rappresentativa (affiliati a un'associazione nazionale di inquilini o riuniti in un'associazione che comprende il 10% degli inquilini dell'edificio).
Sapere! A partire dal 1 ° aprile 2020, conformemente alle disposizioni della legge Alur, tutti i residenti devono essere informati delle decisioni prese dall'assemblea generale dei comproprietari, indipendentemente dal loro status (proprietario o inquilino).

Sei in controversia con un vicino: chiedi consiglio!

Per leggere anche:

  • Il mio padrone di casa si rifiuta di lavorare: cosa fare?
  • Guerra tra vicini: quali sono i rimedi?
  • Come richiedere un prestito a tasso zero per lavoro

Categoria: